La dislessia si combatte con un App

DiXtop, la prima App che ha come mission quella di limitare gli effetti della dislessia, è stata lanciata proprio in questi giorni sul mercato. Si tratta di un gioco competitivo strutturato per stimolare lo sviluppo di processi mentali che favoriscono l’apprendimento delle sillabe più colpite dalla dislessia. Il gioco è stato pensato in particolare per i bambini e le bambine di età prescolare.

Intento a giocare, il bimbo è impegnato a vincere “la partita” e non si accorge che nello stesso tempo sta imparando le sillabe, le riconosce e le pronuncia. In pratica non ha paura di sbagliare né si annoia poiché è “distratto” dal gioco in sé.

L’ideatore dell’App, il dott. Luigi Colombo, insieme ai suoi collaboratori hanno spiegato che: «Il percorso concettuale che ha condotto alla realizzazione del gioco utilizza assunti di base condivisi dalla stragrande maggioranza delle correnti di pensiero e teorie psicologiche e neurologiche. DiXtop è studiato per potenziare lo sviluppo cerebrale del bambino che apprende in modo inconsapevole ad associare alla sillaba visiva il suono corretto e a pronunciarlo. La scommessa è che quando il bambino ritroverà le sillabe nel suo percorso scolastico il suo cervello le sappia rievocare spontaneamente e quindi riconoscerle» concludono soddisfatti.

Per chi volesse provarla, l’App è disponibile sia su Apple Store che su Google Play.

 

Autore dell'articolo: Simona Merlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *