Pillole di inglese #3

In Pillole di inglese #1 avevo usato l’espressione: “Have my teacher’s hat on” per introdurre il fatto che stavo per insegnare qualcosa. Dopo che è uscito quel mio primo articolo, alcuni lettori mi hanno detto che vorrebbero diventare effettivamente padroni della lingua inglese.
Per esserlo, quindi, bisogna conoscere più giochi di parole e usare le espressioni della lingua quotidiana.
L’obiettivo che voglio raggiungere quest’anno con i miei alunni è di ampliare al massimo il loro vocabolario di parole e termini inglesi; a tal fine, voglio ripetere anche online, sul blog, le espressioni idiomatiche che si possono incontrare spesso e volentieri, come per l’appunto:
“wear (one’s particular profession’s) hat”
To act as one would in one’s particular profession while in a different setting.
Bobby, I know you’re off duty, but can you please wear your doctor’s hat for five minutes and tell me what’s wrong with my arm? I don’t want to have togo to the hospital. My wife was still wearing her judge’s hat when she tried to intervene with our neighbour’s arguing kids.

Un’altra espressione perfetta per indicare gli eventi del 2020 è “Put a spanner in the works” che si usa, infatti, per dire che qualcosa è andata storta. Spanner (chiave inglese) works (motore): quindi se metti una chiave in un motore sarà un casino.
Covid has put a spanner in the works for everyone this year!
Il Covid ha fatto un gran casino per tutti quest’anno.

“Bob’s your uncle letteralmente vuol dire Bob è tuo zio; in realtà, è un modo molto usato per finire una frase dopo che hai creato qualcosa o che hai seguito delle istruzioni, sottintendendo che era semplice… un pò come il francese “et voila!”.

“Pardon my French” si usa per scusarsi in anticipo delle future (eventuali) parolacce che si potrebbero fare nel caso di parole o frasi sbagliate, dette per errore in una lingua diversa dalla propria, quindi per non risultare maleducato. Noi inglesi siamo ancora riservati e ci teniamo a non fare una brutta figura in pubblico; proprio per questo esiste ancora il “watershed”, cioè i programmi TV in cui potrebbero esserci espressioni volgari, parolacce o violente (quindi programmi non adatti ai più piccoli) vanno in onda dopo le 21. Non vi posso fare un esempio perché questo è stato non solo scritto ma anche pubblicato prima dello watershed!

“Donkey’s years” fa pensare subito per il suono alle orecchie di un asino e a quanto sono lunghe. Un’espressione che si usa per dire praticamente che è passato molto tempo.
I haven’t spoken to him for donkey’s years!
Non ci sentiamo da anni!

“Chew the fat” significa letteralmente “masticare il grasso”… cosa che non fa venire in mente una buon’immagine! Ma, in realtà, con essa s’intende una cosa piacevole, come fare due chiacchiere con gli amici, di sera di fronte a una birra fredda; o parlare con le amiche dell’ultimo pettegolezzo mentre bevete un bella tazza di tè.

“Fall off the back of a lorry”… tutti amano un buon affare, ma se capiterà che la merce cade da un camion, meglio che lasciar stare! Un’espressione idiomatica che vuol dire che la roba che hai appena comprato, in verità, è stata rubata.
My new Lidl trainers fell off the back of a lorry in time for Christmas!
Le mie scarpe di ginnastica da Lidl sono cadute da un camion in tempo per Natale!
Tuttavia è una frase che può essere usata anche per intendere un’altra sfumatura, e cioè: il prezzo di un prodotto è talmente basso che l’unica cosa che giustifichi tale prezzo è il furto.

Ovviamente non si può parlare soltanto con queste forme, ma per capire meglio qualsiasi lingua e, magari, seguire bene una serie in originale, una conoscenza approfondita di queste cose aiuta molto. A volte sono utili anche per capire l’umorismo della gente.
Per esempio, quello che preferisco dell’italiano è “Avere il prosciutto sugli occhi” sia per il significato che per l’immagine che crea nella mente.
In inglese sarebbe “see something through rose-tinted glasses”.
Quindi è vero, la grammatica è molto importante. Ma se ti mancano le parole e quindi se non riesci a comunicare come vorresti e quel che vorresti, ecco questo per me conta molto di più che ricordare bene tutte le regole!

Snippets of English #3

In the last edition, I spoke of putting my teacher’s hat on as an introduction to the mini lesson I was about to give. After the article came out, someone spoke to me about how they would like to master the English language but to do that he would need to know puns, turns of phrases and everyday English. This school year, I’m on a mission to broaden my student’s vocabulary as much as possible which is why I’ve thrown together a snippet on idioms.

An idiom which is especially fitting for the events of 2020 is To throw a spanner in the works which is used to point out that something didn’t go quite to plan. A spanner (chiave inglese) in the works (motore) can be quite disastrous.
Covid has put a spanner in the works for everyone this year.

A literal translation of Bob’s your uncle doesn’t really convey anything but used at the end of a sentence after having created something or followed instructions as if to say “that was easy” makes much more sense. A little like “et voila” in French.

Speaking of French, Pardon my French is used to excuse yourself, in advance, for saying expletives. This expression was used to pass off any swear words as a foreign language and to not be seen as rude. Us English are still terribly prudish and still have the “watershed” (fascia protetta) to prevent offensive language being shown on TV before 9pm. I can’t give an example as this was written and published before the watershed!

Donkey’s years straight away with the rhyme makes you think of donkey’s ears and how long they are. Essentially, this idiom is used to express a long period of time.
I haven’t spoken to him for donkey’s years!

Chew the fat doesn’t conjure up the nicest of images, but its use refers to something much more pleasant. Having a chat with friends of an evening with a cold beer or having a good girly gossip over a nice cup of tea.

While everyone loves a bargain, it may be best to avoid something which has “fallen off the back of a lorry”. This idiom is used to refer to the goods which you have just bought at an amazingly low price which have, in fact, been stolen.
My new Lidl trainers fell off the back of a lorry in time for Christmas!
It may also be used to emphasise the unbelievably low price you just paid for something above board was too low for it not to have been stolen!

Obviously, talking only in idiomatic phrases isn’t possible, but they can give you a better understanding of the language or help you follow a series in the original language easier. They can sometimes help you follow the gist of something and get the humour. I must say that my favourite Italian idiom is still “avere il prosciutto sugli occhi” to have ham over your eyes, both for the image it creates in my mind and for its meaning. The English equivalent being “To see something through rose-tinted glasses”.

So, yes learning the grammar of a language is important, but if you don’t have any vocabulary you’ll never be able to communicate efficiently, which for me is much more important than remembering the rules!

Rebecca Sharp

Autore dell'articolo: Simona Merlo