The joy of pairing English grammar with music!

I think I may have jinxed the arrival of spring. Here in Sicily instead of the sunshine we had all hoped for, we’ve had non-stop rain. Great weather for ducks! So, what better to do on a rainy day than make banana bread and bring you another snippet. While the banana bread is in the oven, I’m going to give you an insight into one of my favourite lessons.

Usually at the beginning of the lesson to warm my student’s brain up and check that they do pay attention to me, we do a recap of the last lesson. So, who can remember the idioms from last time round?!

To not be a _________ bunny a) joyous b) enthused c) happy

Bit off more than you can ________ a) eat b) chew c) masticate

Be a busy _______ a) bee b) wasp c) fly

Hopefully everyone passed that with flying colours! By now everyone knows I love music and being able to incorporate that into a lesson is “music to my ears”. So, onto the lesson! This lesson focuses on the conditionals of which we have four: zero, first, second and third. Usually, this is done at a lower level and used to revise what my students already know. A conditional sentence is used to express an action and the result of this and can refer to the present, future, or past.

Zero conditional: if + present, present. This form is used to express something which always happens and facts in general.

If you heat ice, it melts. If people indulge in chocolate, they become overweight. When can be used in place of if: When you heat ice, it melts.
These sentences can also be expressed in this form: present if + present:
Ice melts if you heat it. People become overweight if they indulge in chocolate. However, it’s really important to NOT use a comma using this form.

First conditional: if + present simple, will/ won’t + infinite. This form is used to express a present or future possibility and are much more specific.
If you don’t study, your English won’t improve. If he behaves well, he will get a great birthday present. Unless can be used in place of if, meaning if not. Unless you study, your English won’t improve.
For Italian students, it’s really important that they differentiate between the two languages as in English unlike Italian, you DON’T have if and the future together. If he will behave well doesn’t make sense in English.
These sentences can also be expressed with the ‘if clause’ at the end, and again MUST NOT have a comma. Your English won’t improve if you don’t study. He will get a great birthday present if he behaves well.

Second conditional: If + past simple, would/wouldn’t + infinitive. This form is used to talk about a hypothetical future or very unlikely present situation. To emphasise the unlikeliness, we use were instead of was.
If I won the lottery, I would travel the world. If my mum were here, I would give her a big hug.
Again, these sentences can be reversed, but with the loss of the comma. I would travel the world if I won the lottery. I would give my mum a big hug if she were here.
The second conditional can also be used to give advice: If I were you, I would call him and be honest about how you feel.

Third conditional: if + past perfect, would/wouldn’t have + past participle. This is most definitely the most difficult structure and used to reflect on a past event with a different, more favourable outcome.
If I had known how beautiful Sicily is, I would have come here much sooner! If he had known he would fail, he wouldn’t have spent so little time on his homework.
As with the other conditional structures, these can also be reversed: I would have come to Sicily much sooner had I known how beautiful it is! He wouldn’t have spent so little time on his homework had he known he would fail.

Now, usually in the classroom I have these songs ready for the students to listen to and tell me which conditional has been used and though it has taken me some time, I’ve managed to find a song to match to every conditional! So, your playlist for the next ten minutes: Meghan Trainor if your lips are moving. Simply Red if you don’t know me by now. Beyonce, If I were a boy. Rednex, Cotton Eye Joe. Bonus points for spotting the song which isn’t entirely grammatically correct!
Writing the song titles makes it much easier to recognise which form has been used but I hope it makes you listen to the songs differently and helps to understand the meaning a bit more. There are more songs which I use, but I can’t give all my secrets away! Happy listening!

Quando la grammatica e la musica inglese si sposano!

Credo di aver portato sfortuna alla primavera! In Sicilia invece di avere sole e caldo, abbiamo avuto pioggia non stop: il tempo perfetto per le anatre! In che modo, quindi, posso passare meglio una giornata grigia e piovosa? Preparando un dolce alla banana per me, e scrivendo una nuova pillola per voi! Mentre il mio “pane di banana” sta cuocendo, vi faccio entrare nei “meccanismi” di una delle mie lezioni preferite.

Di solito inizio con un ripasso della lezione precedente, giusto per “scaldare” i cervelli degli studenti e controllare se mi hanno ascoltata davvero! Allora, chi di voi riesce a ricordare gli idiomi della scorsa volta?

To not be a _________ bunny a) joyous b) enthused c) happy

Bit off more than you can ________ a) eat b) chew c) masticate

Be a busy _______ a) bee b) wasp c) fly

Spero che abbiate risposto tutti brillantemente!
A questo punto, è inutile ripetere quanto io ami la musica e adori la possibilità di unire grammatica e canzoni… “è proprio musica per le mie orecchie!”. Ma iniziamo questa nuova lezione: oggi parliamo dei quattro condizionali della lingue inglese e cioè il condizionale di tipo zero (zero), uno (first), due (second) e tre (third). Di solito questa lezione la faccio all’inizio per permettere ai miei studenti di ripassare e per capire cosa sanno già. Il periodo ipotetico, o appunto condizionale, si usa per speculare su cosa potrebbe succedere, cosa sarebbe potuto succedere o cosa vorremmo che succedesse.

Condizionale zero: if + present, present (se + presente, presente) questa forma si usa per le cose che succedono sempre o per un fatto generico.
If you heat ice, it melts (se scaldi il ghiaccio, si scioglie); If people indulge in chocolate, they become overweight (se la gente si concede il cioccolato, diventa sovrappeso).
In questo condizionale si può usare when al posto di if: when you heat ice, it melts (quando scaldi il ghiaccio, si scioglie).
Queste frasi possono essere costruite anche nella forma “present, if + present”:
Ice melts if you heat it (il ghiaccio si scioglie se lo scaldi); People become overweight if they indulge in chocolate (la gente diventa sovrappeso se si concedono il cioccolato). In questa forma, è molto importante NON usare la virgola.

Primo condizionale: if + present simple, will/ won’t + infinite (se + presente, futuro positivo o negativo + infinito). Questa forma si usa per esprimere una possibilità nel presente o nel futuro e sono situazioni molto più specifiche.
If you don’t study, your English won’t improve (se non studi, il tuo Inglese non migliorerà); If he behaves well, he will get a great birthday present (se si comporta bene, avrà un bellissimo regalo di compleanno).
Unless, che vuol dire “se non”, può essere usata al posto di se. Unless you study, your English won’t improve (se non studi, il tuo inglese non migliorerà).
ATTENZIONE: gli student italiani devono avere bene in testa la differenza tra le due lingue. In Italia è normale usare “se” e poi il futuro insieme, invece in inglese non è così. If he will behave well (se lui comporterà bene) non ha senso in inglese.
Anche in questo caso, si possono invertire le due frasi, ma fate sempre molta attenzione a non mettere la virgola.
Your English won’t improve if you don’t study (il tuo inglese non migliorerà se non studi). He will get a great birthday present if he behaves well (avrà un bellissimo regalo di compleanno se si comporta bene).

Secondo condizionale: If + past simple, would/wouldn’t + infinitive (se + passato, condizionale positivo/negativo e infinito). Questo condizionale si riferisce a una situazione ipotetica nel futuro o una molta improbabile nel presente. Per evidenziare che non succederà usiamo “were” al posto di “was”.
If I won the lottery, I would travel the world (se vincessi alla lotteria, girerei il mondo). If my mum were here, I would give her a big hug (se mia mamma fosse qui, le darei un grosso abbraccio).
Comecon gli altri condizionale, anche qui si può costruire questa frase al contrario ma sempre senza la virgola.
I would travel the world if I won the lottery (girerei il mondo se vincessi alla lotteria); I would give my mum a big hug if she were here (darei un grosso abbraccio a mia mamma se fosse qui).
Il secondo condizionale si usa anche per dare un consiglio:
If I were you, I would call him and be honest about how you feel (se fossi in te, lo chiamerei e sarei onesta su ciò che provi).

Terzo condizionale: if + past perfect, would/wouldn’t have + past participle (se + passato remoto; condizionale positivo/negativo + participio) è sicuramente la forma più difficile da usare. Si usa per riferirsi a un evento nel passato ma con una fine più piacevole.
If I had known how beautiful Sicily is, I would have come here much sooner! (se avessi saputo che la Sicilia è così bella, sarei venuta molto prima!). If he had known he would fail, he wouldn’t have spent so little time on his homework (se avesse saputo che sarebbe stato bocciato, non avrebbe speso così poco tempo a fare i compiti).

Come per gli altri condizionali, anche questo si può costruire al contrario:
I would have come to Sicily much sooner had I known how beautiful it is! (Sarei venuta molto prima in Sicilia se avessi saputo che è così bella!).
He wouldn’t have spent so little time on his homework had he known he would fail (non avrebbe speso così poco tempo a fare i compiti se avesse saputo che sarebbe stato bocciato).

E adesso inizia la parte divertente della lezione. Quando siamo in classe, ho già pronte alcune canzoni così gli studenti le ascoltano e mi dicono qual è il condizionale usato nel testo. Nel corso degli anni, sono riuscita ad accumulare canzoni per ogni tipo di condizionale. Ecco quindi la vostra playlist per i prossimi dieci minuti: Meghan Trainor – If your lips are moving. Simply RedIf you don’t know me by now. BeyonceIf I were a boy. RednexCotton Eye Joe. Ci sono punti in più per chi capisce subito qual è la canzone non proprio corretta!

Con i titoli è più facile identificare la forma del condizionale usata e spero che adesso riuscirete ad ascoltare le canzoni in modo diverso. Oltretutto vi sarà più chiaro anche il loro significato. Ce ne sono tantissime utili per le nostre regole grammaticali, ma non posso certo svelarvi tutti i miei segreti!
Buon ascolto!

Rebecca Sharp

Autore dell'articolo: Simona Merlo