Un sì, un no e una recensione spettinata

“La cantina” di  Thomas Bernhard: decisamente sì! Lo stile di Bernhard mi cattura sempre. E questo romanzo, con il suo procedere a spirale, è un continuo tuffarsi e riemergere dai flutti dello Stige: un respiro e poi giù all’inferno, una fuga in avanti verso la consapevolezza e poi due passi indietro, a descrivere la disperazione […]

Il senso di una fine – Julian Barnes

Questo romanzo è un busillis. Succedono poche cose basilari e molte ne vengono nascoste. E tutte le curiosità del lettore vengono bellamente ignorate, le domande che il protagonista/voce narrante dall’ego smisurato e dalle ridotte capacità intuitive si pone rimangono senza risposta. Una vicenda con un finale a sorpresa che lascia insoddisfatti, perché il senso è nella ricerca, e non nella soluzione. Leggi di più a proposito di Il senso di una fine – Julian Barnes

La venere di Urbino – Bernard Malamud

Innegabile la perizia tecnica di Malamud, che in questo breve romanzo composto da sei racconti raccoglie tutti gli stili, tutti gli stereotipi, tutte le stravaganze e tutti i riferimenti artistici che riesce a riunire: troppo contenuto, secondo me, per una struttura che a volte scricchiola rischiando di cedere. Leggi di più a proposito di La venere di Urbino – Bernard Malamud