Impazza “Uomo tana” di Tiger Dek, e tu che tipo di uomo sei?

Chi nasconde quella maschera… Tigre!? No, non ci stiamo rituffando nel famoso manga giapponese scritto da Ikki Kajiwara e illustrato da Naoki Tsuji, anche se la voglia di cantare a squarciagola tutta la sigla realizzata da Giorgio Vanni è forte. Stiamo parlando di Tiger Dek, l’uomo tigre italiano, cantante e “cavaliere misterioso che veglia sulla […]

Per non saper né leggere né scrivere – Torgny Lindgren

Se soffri di alessìa, se non riesci a tenere a bada le lettere, se non sei in grado di leggere né di scrivere, tutto ciò che ti resta per nutrire la tua sete di conoscenza sono le immagini. E alle immagini ti aggrappi come unico veicolo di verità, perché le parole ingannano, mentre la musica è un surrogato di una presenza materna che si rivela essere un’assenza. Leggi di più a proposito di Per non saper né leggere né scrivere – Torgny Lindgren

Il corto “Parru pi tìa” premiato a Venezia

È palermitano il regista vincitore della III edizione del concorso “I Love GAI – Giovani Autori Italiani” che si è svolto nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Il concorso, promosso dalla SIAE in collaborazione con Lightbox, dedicato agli under 40, ha premiato Giuseppe Carleo, 30 anni, per il suo “Parru pi tìa”. Leggi di più a proposito di Il corto “Parru pi tìa” premiato a Venezia

Elena Ferrante a sostegno del #MeToo e nuova editorialista del Guardian

Leggi di più a proposito di Elena Ferrante a sostegno del #MeToo e nuova editorialista del Guardian

Il “lascito” del Bandini all’origine della Biblioteca degli Intronati

Il 29 dicembre 1758 Sallustio Bandini dona “all’Università dello Studio” di Siena l’intera raccolta dei libri che “con grave dispendio” aveva radunato nella sua vita. L’atto di donazione, stipulato dal notaio Giacomo Grisaldi del Taja, stabiliva che i quasi 3000 volumi (c’è chi parla di 2875, chi di 2975, chi di 2886 libri) “scielti fossero trasportati nella Sapienza e collocati in stanza a tale effetto adattata, per dover servire a beneficio della gioventù studiosa di Siena”. Leggi di più a proposito di Il “lascito” del Bandini all’origine della Biblioteca degli Intronati