Coadiutore parlamentare: candidature entro l’8 novembre

Il Senato della Repubblica cerca sessanta coadiutori parlamentari da assumere con contratto a tempo indeterminato. Per poter partecipare al concorso pubblico (per esami), occorre presentare la propria candidatura per via telematica entro l’8 novembre 2019 (il bando è scaricabile qui). Il limite di età è di 45 anni alla data di scadenza del bando (cioè non […]

AAA lavoro cercasi anche a dicembre!

Molte persone in cerca di lavoro, prima delle feste natalizie, allentano la presa pensando che dicembre non sia il migliore dei mesi per ottenere buoni risultati. Questa idea viene confermata in parte da alcune statistiche, le quali mostrano che il periodo migliore per trovare un nuovo lavoro sia tra settembre e ottobre e da metà gennaio a febbraio. Eppure… Leggi di più a proposito di AAA lavoro cercasi anche a dicembre!

Who is Alessandro Leggio?

Per il ragazzo, amante delle mappe e delle stampe,
l’universo è pari al suo smisurato appetito…
con l’inizio della più lunga poesia de “I Fiori del male” di Baudelaire vi presentiamo l’artista italiano Alessandro Leggio che ha osservato e osserva il mondo con lo sguardo di chi è sempre in movimento. Di origini siciliane, è nato a Ragusa il 16 febbraio del 1983, ha lasciato Palermo subito dopo aver conseguito la laurea all’Accademia di Belle Arti del capoluogo siciliano. Un inizio brillante quello durante il percorso di studi, offuscato però dalla necessità di Alessandro di spostarsi verso mete più promettenti. Vive, infatti, da oltre 7 anni in Inghilterra e sebbene nei suoi lavori emerga spesso la contrapposizione terra di origine/crescita tramite l’altrove e nonostante lavori sempre nel mondo delle arti, la sua stessa scelta di arricchimento lo ha quasi costretto ad una pausa forzata. Ma l’umiltà e lo studio costante aiutano i talentuosi.

“To the child who is fond of maps and engravings,

The universe is the size of his immense hunger…”
With the beginning of the longest poem of “Le Fleurs Du Mal” by Baudelaire, we introduce to you the artist Alessandro Leggio, which observed and keeps observing the world with the gaze of who is always in movement. His origins are from Sicily, he was born in Ragusa on 16th of February 1984, he left Palermo after his graduation in Fine Arts at the Accademia di Belle Arti of Palermo. A promising beginning of career during his study path, blurred by his need of finding more promising places for his career. He has been living  for more than 7 years now in the United Kingdom and, despite in his practice, it usually emerges a contrast between what represents his home land and his growth. He decided to work in the arts, however, his choice confined him away from the art world as an artist and forced forced him to take a little break. But the humbleness and the constant study helps those who are talented.

 

Leggi di più a proposito di Who is Alessandro Leggio?

Lavoro: i “titoli” più richiesti dalle aziende italiane

Qual è il ‘pezzo di carta’ che conta davvero? Ieri era il diploma, e in buona parte lo è ancora oggi, sebbene il mercato guardi sempre di più alla laurea. Ma come orientarsi per il futuro?  Leggi di più a proposito di Lavoro: i “titoli” più richiesti dalle aziende italiane

Project manager, il lavoro del futuro

L’associazione internazionale no-profit Project Management Institute che si occupa della divulgazione delle tecniche del Project management ha condotto uno studio secondo il quale, nei prossimi 10 anni, la domanda di project manager qualificati salirà del 33%. Una crescita che significa ben 22 milioni di nuovi posti di lavoro a livello globale. Leggi di più a proposito di Project manager, il lavoro del futuro

Lavoro su Linkedin, gli italiani puntano sulla competenza

Questa almeno la tendenza che emerge dall”annuale classifica delle ”Buzzword”, le parole più utilizzate dai lavoratori nei propri profili, svelata da LinkedIn, il social network per professionisti più grande al mondo.

Leggi di più a proposito di Lavoro su Linkedin, gli italiani puntano sulla competenza

“La nuova fabbrica delle Balie” del Santa Maria della Scala

Il 28 dicembre 1771 il rettore dell’ospedale di Santa Maria della Scala chiede al granduca di Toscana Pietro Leopoldo il permesso di “fare in questo ospedale un nuovo dormentorio per le balie, e che fosse capace di una ventina di letti, giacchè il convento delle medesime destinato a lattare gli esposti era tanto ristretto ed angusto […]