Lacci – Domenico Starnone

Un libro alla Sandor Marai senza la perizia di Sandor Marai, alla Nemirowski senza la potenza di scrittura della Nemirowski. La struttura è tripartita, una prima parte epistolare, la seconda narrativa, la terza epifanica. Avrebbe dovuto essere la forza del romanzo, una specie di visione tridimensionale della realtà, ma in realtà il tutto mi sembra gestito […]

La casa delle belle addormentate – Yasunari Kawabata

Riconosco il pregio della finissima cesellatura di un personaggio – il protagonista – i cui pensieri e sensazioni emergono man mano che il romanzo si srotola davanti ai nostri occhi come un tatami preparato per la notte. Riconosco la delicatezza delle descrizioni di atmosfere ovattate, che cullano pensieri in equilibrio tra sonno e veglia, vita e […]

I consigli di lettura su Casiquotidiani: per ripartire con il libro giusto…

“Un amore” – Dino Buzzati. Recensione di Ariela Faso. Come non restare sbalorditi da una scrittura così ricca, variegata, precisa e interessante, curata e trascinante, a partire dal sintetico e risonante incipit? E infatti, sempre più coinvolta, ammirata e incuriosita ho letto senza problemi di iperglicemia questa “storia d’amore” fuori dai canoni, possibile ma impossibile, […]

Un sì, un no e una recensione spettinata

“La cantina” di  Thomas Bernhard: decisamente sì! Lo stile di Bernhard mi cattura sempre. E questo romanzo, con il suo procedere a spirale, è un continuo tuffarsi e riemergere dai flutti dello Stige: un respiro e poi giù all’inferno, una fuga in avanti verso la consapevolezza e poi due passi indietro, a descrivere la disperazione […]