La fine infelice di Ghismonda

È un lieto fine quello della novella che abbiamo raccontato sul blog il 20 febbraio; tuttavia lascia molto amaro in bocca. Nel finale Dioneo mantiene un atteggiamento critico sottolineando la crudeltà di Gualtieri e la sopportazione di Griselda. Possiamo citare a tal proposito il proemio di Emilia alla nona novella della nona giornata che a […]

Decima novella della x giornata del Decameron

La novella del Marchese di Sanluzzo e di Griselda appartiene alla decima giornata nella quale “…si ragiona di chi liberamente o vero magnificamente alcuna cosa operasse intorno a’ fatti d’amore o d’altra cosa”. L’argomento è proposto dal re Panfilo colui che, come interpreta il critico letterario e poeta Carlo Muscetta, “ama il tutto” e che […]

“Le armi, i cavalli e l’oro”, chi era Giovanni Acuto?

Il 14 marzo 1394 moriva il condottiero John Hawkwood, il cui nome era stato italianizzato in Giovanni Acuto. Era nato in Inghilterra, a Sible Hedingham, in un anno intorno al 1320. Siena ci aveva dovuto fare i conti ripetutamente, perché l’Acuto era stato, per una parte notevole della sua vita, al servizio di Firenze e, nelle numerose guerre che, nel Trecento, si erano combattute fra le due città (sia direttamente, sia per “interposto nemico”), l’Acuto aveva ripetutamente devastato le campagne senesi, tanto nel corso di regolari campagne, quanto attraverso i raid che le compagnie militari effettuavano in proprio quando, finita la condotta con una città o un signore, si “servivano da sole” razziando il primo territorio che trovavano. Leggi di più a proposito di “Le armi, i cavalli e l’oro”, chi era Giovanni Acuto?

Share and Enjoy !

0Shares
0 0