Grotta Mangiapane, un piccolo grande gioiello siciliano

Il mio viaggio in Sicilia prosegue in provincia di Trapani dove, nascosto nella gola di due montagne, esiste un piccolissimo villaggio in cui tutto sembra essersi fermato un secolo fa.

La Grotta Mangiapane fa parte degli insediamenti preistorici delle Grotte di Scurati e sorge in prossimità della frazione di Scurati ai piedi del Monte Cofano nel comune di Custonaci.

La grotta accoglie al suo interno un piccolo borgo abitato dal 1819 alla metà del 1900, fatto di case pittoresche color terra, una piccola cappella, alcune stalle e una stradina lastricata.

Deve il suo nome alla famiglia che visse lì fino agli anni ’50 dedita, secondo quanto si racconta, all’agricoltura e alla pesca, e nota anche per produrre dell’ottima ricotta.

Dopo un periodo di abbandono, il borgo e le sue casette sono state restaurate dalle persone del posto aiutate dall’unico membro della famiglia Mangiapane ancora in vita.

Oggi il villaggio è un piccolo museo all’aria aperta: un luogo dove il tempo sembra essersi fermato e dove troverete ad accogliervi ciuchini, galline e caprette, insieme ai volontari del posto, persone gentili e guide affezionate alla loro terra.

La guida e l’ingresso sono gratuiti, ma se lascerete un’offerta contribuirete a tenere in vita questo piccolo, grande gioiello siciliano.

Lucia Lungarella (foto e testo) per la rubrica periodica ArchINviaggio su CasiQuotidiani.

Autore dell'articolo: Simona Merlo