Piazza del Campo: quando venne terminata la pavimentazione?

Il 30 dicembre del 1346 viene terminata la pavimentazione di piazza del Campo. Agnolo di Tura del Grasso, descrive così l’evento: “El Canpo di Siena si finì di siliciare a mattoni a dì 30 di dicembre [1346] ed è tenuto lo più bel Canpo, co’ la bella e abundante fontana, co’ li belli e nobili casamenti d’intorno e buttighe, che altra piaza d’Italia”. Leggi di più a proposito di Piazza del Campo: quando venne terminata la pavimentazione?

L’intensa ma breve vita di Luciano Banchi

Il 27 dicembre 1837 a Radicofani nasce Luciano Banchi. Figlio di Luigi e della sua seconda moglie Barbara Modesti (che Luigi sposò già incinta di Luciano e da cui ebbe altri due figli: Adele, morta dopo soli otto giorni di vita, e Vittorio). Nell’infanzia di Luciano la famiglia si sposta di frequente a seguito del padre, prima ad Arezzo e poi a Pisa. Leggi di più a proposito di L’intensa ma breve vita di Luciano Banchi

La capacità narrativa del pittore Amos Cassioli

Il 17 dicembre 1891 muore a Firenze il pittore Amos Cassioli. Nasce il 10 agosto 1832 ad Asciano da Domenico, caffettiere, e Assunta Mazzoni; viene iniziato agli studi dallo zio Ottavio Cassioli, organista della cattedrale di Arezzo, che voleva indirizzarlo alla carriera ecclesiastica. La morte improvvisa del padre lo costringe a cercare lavoro ad Asciano per mantenere la famiglia, ma grazie all’interessamento dei monaci di Monte Oliveto Maggiore, e alla generosità di alcuni privati, riprende gli studi e la pittura per quale mostra un innato talento. Leggi di più a proposito di La capacità narrativa del pittore Amos Cassioli

La storia del valoroso Luciano Raveggi

Il 12 dicembre 1837 nasce ad Orbetello Luciano Raveggi. Di famiglia senese, il padre si trasferisce in Maremma dove apre un forno. Luciano, malato, nel 1859 (ha 22 anni), scappa a Livorno e si arruola nell’esercito piemontese, combattendo nella sanguinosissima battaglia di San Martino (II Guerra d’Indipendenza). L’anno successivo si imbarca a Talamone diretto in Sicilia dove si unisce alle Camicie Rosse di Garibaldi e partecipa a tutte le battaglie combattute nell’isola: Marsala, Calatafimi, Palermo, Milazzo, fino allo scontro finale del Volturno vicino Caserta. Leggi di più a proposito di La storia del valoroso Luciano Raveggi